Vai ai contenuti

Cristianofobia e cristiani perseguitati

Indice analitico > C - F

Storia di ordinaria discriminazione anticristiana in Inghilterra

Per leggere l'articolo tratto da NBQ del 26 novembre 2013 , clicca sull'immagine



Cristianofobia:
un nuovo report conferma l'escalation in Europa

Leggi l'articolo di Davide Greco su Corrispondenza Romana del 16 aprile 2014. Il link sarà attivo fino alla permanenza dell'articolo sul sito di provenienza.

Osservatorio di Vienna

Cristiani perseguitati. Anche in Europa
di Stefano Magni
La religione più perseguitata al mondo è il cristianesimo. E anche in Europa, anche se è poco conosciuto, esiste un grave problema di intolleranza. Lo denuncia Monsignor Georg Gänswein, il prefetto della Casa Pontificia.
Per leggere l'intero articolo pubblicato il 22/05/2014 su NBQ, clicca sul titolo

La strage taciuta: un cristiano ucciso ogni 5 minuti
Cristiani uccisi: più di 105mila all'anno

Cina, Nigeria, Pakistan, Iraq, Corea del Nord: sono i luoghi dei nuovi martiri cristiani. Che nel numero hanno superato quelli dei primi tempi, sotto l'impero romano. Ce lo ricorda sempre Papa Francesco: «ci sono più martiri cristiani oggi che nei primi secoli della Chiesa». Qualcuno ha calcolato le cifre di questo genocidio: circa 70 milioni, di cui 45 milioni concentrati nel solo secolo XX.  Oggi sono 105.000 i cristiani uccisi all'anno: un morto ogni cinque minuti. Per leggere l'articolo di Massimo Introvigne, pubblicato su NBQ del 01/08/2014, clica sul titolo.

Sabato 2 Agosto 2014 - La Presidenza CEI sulle persecuzioni dei cristiani nel Mondo:

"Non possiamo tacere"

“Un autentico Calvario accomuna i battezzati in Paesi come Iraq e Nigeria, dove sono marchiati per la loro fede e fatti oggetto di attacchi continui da parte di gruppi terroristici; scacciati dalle loro case ed esposti a minacce, vessazioni e violenze, conoscono l’umiliazione gratuita dell’emarginazione e dell’esilio fino all’uccisione (foto a lato: crocefissione di un cristiano in Siria, oggi). A fronte di un simile attacco alle fondamenta della civiltà, della dignità umana e dei suoi diritti, noi non possiamo tacere”.
È un appello molto duro quello che la Presidenza della Conferenza Episcopale Italiana rivolge all’Europa; “distratta ed indifferente, cieca e muta davanti alle persecuzioni di cui oggi sono vittime centinaia di migliaia di cristiani”. Un appello che si traduce nell’indizione di una

Giornata di preghiera, il prossimo 15 agosto.
Per leggere il testo completo del comunicato CEI, clicca sul titolo.
Per scaricare la traccia della preghiera, clicca qui.

IL FARO aderisce all'iniziativa
"Non dimentichiamo i nazareni
di Iraq, Siria e Africa"

Ferrara 26 ottobre, ore 15:30
Marcia di preghiera e di sensibilizzazione pubblica a favore dei cristiani perseguitati

I giorni e i mesi sono passati inesorabili da quando è iniziata la drammatica situazione dei cristiani in Iraq, come già in Siria e in Africa, e il tempo è trascorso come se tutto ciò fosse naturale.
È calato un velo su questi eventi dolorosi: centinaia di migliaia di cristiani sono stati sradicati dalla loro case e dalle loro terre perché l'Islam politico non li vuole lì, mentre il mondo resta in silenzio, tentenna, forse perché approva o forse perché è incapace di agire. Tutto ciò incoraggia le milizie dello Stato islamico dell'Iraq e del Levante (Isis) ad andare avanti con la loro guerra feroce [...] Intere comunità cristiane presenti in quelle terre da ben più di un millennio sono state spazzate via in un battito di ciglia con scene che ci riportano ai grandi drammi di un passato che ritenevamo definitivamente sepolto, e invece tutto questo è nuovamente un'orribile realtà.
In questo contesto il neonato "Centro Culturale San Massimiliano Kolbe" di Ferrara ha promosso, con il sostegno e la benedizione dell'Arcivescovo di Ferrara-Comacchio Mons. Luigi Negri, per il prossimo 26 ottobre, una marcia di preghiera e di sensibilizzazione pubblica a favore dei cristiani perseguitati.
Il  motto dell'evento sarà "Non dimentichiamo i nazareni di Iraq, Siria e Africa".
Segno concreto di ulteriore impegno sarà la ripresa e il rilancio della campagna dell'agenzia di stampa Asianews ADOTTA UN CRISTIANO A MOSUL per continuare a raccogliere i fondi al fine di far pervenire gli aiuti necessari ai rifugiati.

Per scaricare il volantino col programma dettagliato dell'iniziativa e il comunicato, clicca sul titolo


Ferrara 26 ottobre, ore 15:30

IL FARO ha aderito all'iniziativa

"Non dimentichiamo i nazareni
di Iraq, Siria e Africa"

Non meno di trecento i partecipanti alla marcia silenziosa  di sensibilizzazione in favore dei cristiani perseguitati in Iraq, Siria, Africa. Il corteo, silenzioso come una colonna di deportati, è partito da Piazza Ariostea ed ha raggiunto la Cattedrale dove la manifestazione si è conclusa con il santo rosario e la benedizione dell'Arcivescovo, Mons. Luigi Negri.
La marcia di preghiera e di sensibilizzazione pubblica a favore dei cristiani perseguitati è stata promossa dal neonato "Centro Culturale San Massimiliano Kolbe" di Ferrara, con il sostegno dell'Arcivescovo Mons. Luigi Negri. Il  motto dell'evento è stato "Non dimentichiamo i nazareni di Iraq, Siria e Africa".

Per scaricare il volantino col programma dettagliato dell'iniziativa e il comunicato, clicca sul titolo

Buttati in mare perché cristiani
l'Italia intervenga

Riccardo Cascioli, NBQ, 17/04/2015

Fermati 15 islamici che, stando alle testimonianze, avrebbero gettato in mare 12 cristiani. È il segno di una tensione religiosa che ha già raggiunto il livello di guardia. Ormai l'Italia non ha più scuse: impedire le partenze, organizzare lo screening in Libia.

Per leggere l'intero articolo, clicca qui
http://www.lanuovabq.it/it/articoli-buttati-in-mare-perche-cristianilitalia-decidadi-intervenire-12393.htm


Notizie che non interessano i giornali "politicamente corretti"

Centrafrica, attacco durante la Messa. Ucciso un sacerdote e 15 persone, di Leone Grotti
("Tempi" on line del 02/05/2018)

Sacerdote assassinato nelle Filippine
Redazione ("Tempi" on line del 02/05/2018)

Per leggere, basta cliccare sui due link
Per leggere meglio o tutto o stampare o attivare eventuali link, clicca sul riquadro
Torna ai contenuti